Rave party. Affari, panem et circenses del XXI secolo.

Torneranno? Non torneranno? Ci si chiede questo nelle zone tra Latera, Pitigliano, Valentano, Sorano. Tutti hanno nelle orecchie quelle notti del delirio, musica altissima, ripetitiva che spargeva le sue note nelle splendide campagne circostanti e nei paesi più vicini. Chissà se l’orda di strafattoni organizzati, dall’Italia e dall’Europa tornerà con i suoi Tir e il suo giro di affari da cinque zeri. Torneranno ad agosto? <Si dice ad ottobre>, mormora qualcuno. E saranno ancora i terreni di Piero Camilli i prescelti per questa “festa del delirio”? Perché “rave party” significa proprio questo, festa del delirio. E di delirio si è trattato. Delirio ovviamente organizzato, perché non è possibile che ottomila persone con i loro mezzi possano passare inosservati: carovane di camper, roulotte, tir provenienti da tutta Europa, tutti diretti alle campagne intorno al lago di Mezzano. I media hanno parlato di “rave non autorizzato”. E da quando un rave è autorizzato? Autorizzato no, ma certamente tollerato. Per sei giorni le migliaia di persone giunte dal continente (soprattutto, Francia, Spagna, Germania a quanto si dice) hanno potuto fare di tutto. Devastare il territorio con immondizia di ogni tipo lasciata sul terreno:35mila euro ha speso il Comune di Valentano per ripulire tutto. E poi innanzitutto, spacciare droghe. Non si vuole fare del moralismo, ci mancherebbe, ma come è possibile che un ragazzetto venga fermato e processato per poco più di uno spinello e nell’area di Mezzano si sia tollerato un vero e proprio duty free delle droghe pesanti, soprattutto sintetiche?

I rave sono soprattutto un affare per chi li organizza. Personaggi “misteriosi” che muovono centinaia di migliaia di euro. Non si sa chi siano questi personaggi, la narrazione dei media su Mezzano li ha definiti francesi, , in Francia i rave vengono bloccati e contrastati. <Si è voluto evitare il peggio – ha detto la ministra Lamorgese nell’audizione alla Camera del settembre scorso – poteva essere pericoloso>

Va bene, le forze di polizia hanno evitato ci fossero incidenti, ma non è stato evitato il morto, un ragazzo di Reggio Emilia affogato proprio nelle acque del lago di Mezzano. Non si sono evitati stupri. Due sarebbero stati accertati.

Nella nostra zona il rave ha stimolato giustamente la fantasia dei ragazzi e non solo. Ragazzi che in bicicletta sono partiti da Sorano e da altri paesi, e che sono entrati a vedere. Muri di casse acustiche, luci. E poi bancarelle che vendevano di tutto. Gente che ballava. Paura, curiosità, timore e insieme voglia di infrangere le regole. Questi i sentimenti dei più giovani dei paesi intorno tra il basso grossetano e l’alta Tuscia, che sentendo la musica che proveniva dal rave, sono voluti andare a vedere.

<Ma ti pare che tutte quelle persone non potevano essere fermate prima? – si chiede una giovane signora di Sorano – quando ci sono di mezzo i soldi la spiegazione si trova sempre>.

“Follow the money”, “Segui il denaro”, dicono gli americani. Segui il denaro e capirai tante cose, le piste del denaro portano spesso alla spiegazione di cose che appaiono inspiegabili.

Ma chi sono questi devoti delle droghe sintetiche, questi adepti della musica a palla, questi seguaci del delirio programmato? Un quadro si può trarre dal bel servizio fatto da Vera Risi su rewriters.it (link https://rewriters.it/reportage-dal-rave-party-sul-lago-di-mezzano-le-interviste-e-i-video-che-svelano-la-verita/) dove ci si fa un idea dello stato confusionale dei partecipanti alla festa. Un analisi politica molto interessante si trova invece su inchiostronero.it in un articolo a firma di Roberto Pecchioli ( link: https://www.inchiostronero.it/rave-party-nichilismo-e-potere/ )

<Trascinati dalla musica a centinaia di decibel – scrive Pecchioli – l’obiettivo è fuoriuscire da se stessi tra stravizi, droghe, eccesso di luci e suoni, scatenamento degli istinti, in primis quelli sessuali e primordiali. In termini psicanalitici, è il trionfo dell’Es (la voce intrapsichica degli impulsi inferi) sull’Io e sul Super Io, l’interiorizzazione dei codici di comportamento, dei limiti, degli schemi di valore. È anche la cancellazione del Sé descritto da Carl Gustav Jung, il principio interiore di guida, distinto dalla personalità conscia>

<Una valvola di sfogo che il potere finge di deprecare- continua Pecchioli – ma che al contrario consente e – segretamente – approva. Nel caso viterbese, il primo bilancio parla di un morto – più probabilmente due – un giovane in preda agli stupefacenti caduto nel vicino lago di Mezzano; almeno due stupri accertati, un numero imprecisato di coma etilici e di overdose di ogni droga liberamente compravenduta. In più, il parto di una giovane che il nono mese di gravidanza non ha dissuaso dal raggiungere la Tuscia.

<Sessant’anni di lavoro instancabile: il frutto dell’albero preparato negli anni ’60 e ’70 è giunto a maturazione, ed ecco che cosa è diventato l’Occidente, ecco chi sono le sue avanguardie giovanili, nomadi transumanti tra un rave party e uno sballo, orientati dall’alto dai burattinai e, in basso, lasciati vagare da un potere inflessibile con gli onesti. Droga, sesso e rock and roll era lo slogan liberatorio degli anni Settanta, quelli dell’inno nichilista di John Lennon, Imagine. Credono di avere inventato cose nuove, ma è il corrispettivo del “panem et circenses” dei romani. Qualche soldo in tasca per le esigenze elementari (oggi è il reddito di cittadinanza) e spettacoli >.

Analisi cruda e in gran parte condivisibile. Del resto non è nuova l’analisi e la correlazione tra uso di droghe e potere. Droghe che sono diventate sempre più pericolose. Droghe sintetiche dagli effetti micidiali e incontrollabili. Anche, marijuana e hashish oggi provengono da coltivazioni Ogm e hanno un alto tasso di THC, il principio attivo. In confronto quelle degli anni Settanta erano camomilla. Oggi hanno effetti ipnotici, aggravati da alcool e miscugli vari. Le istituzioni sembra abbiano un po’ abbandonato iniziative di prevenzione. E questo non è un bel segno.

Per approfondire : le droghe sintetiche

https://www.doveecomemicuro.it/enciclopedia/malattie/effetti-droghe-zombie

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here